Siti potenzialmente contaminati

Descrizione indicatoreI siti contaminati comprendono quelle aree nelle quali, in seguito ad attivitā umane svolte o in corso, č stata accertata, sulla base della normativa vigente, un’alterazione puntuale delle caratteristiche naturali del suolo da parte di un qualsiasi agente inquinante.
Per questo indicatore, costruito sulla base delle informazioni riportate nelle anagrafi/banche dati disponibili a livello regionale, si č fatto riferimento a:

  •  siti definiti contaminati ai sensi del DM 471/1999, nei quali anche uno solo dei valori di concentrazione delle sostanze inquinanti nel suolo, nel sottosuolo o nelle acque č superiore ai valori di concentrazione limite accettabili;
  •  siti definiti contaminati ai sensi del D.Lgs. 152/2006, Titolo V, Parte IV, sulla base del superamento delle CSR (Concentrazioni Soglia di Rischio) determinate mediante l'applicazione dell'analisi di rischio sito-specifica. Č da sottolineare che, nel caso di applicazione dei criteri del D.lgs. 152/2006, l'individuazione di un sito contaminato č strettamente correlata alle caratteristiche sito-specifiche (geologiche, idrogeologiche, chimico-fisiche, meteoclimatiche, ecc.).

ObiettivoFornire il numero delle aree che necessitano di interventi di bonifica del suolo e/o delle acque superficiali e sotterranee e monitorare la realizzazione degli interventi di bonifica, laddove necessaria ai sensi della normativa vigente.

Periodicitā di aggiornamentoAnnuale

2021 - Stato e trend indicatore 

20202019 - 2018 - 2017 - 2016 - 2015 - 2014 - 2013 - 2012 - Stato e trend

2011 - RSA

 

[aggiornato il 17 ottobre 2023]

Condividi

In questa pagina