VIII Rapporto sulla Qualità dell'Ambiente Urbano

 

Come rispondono le città italiane alle grandi sfide ambientali del 21esimo secolo? Qual è il livello di resilienza dei centri urbani del nostro paese, intesa come capacità del “sistema urbano” di assorbire e compensare le pressioni antropiche e naturali, nonché di risollevarsi dagli eventi disastrosi e dagli effetti dei cambiamenti climatici? 

L’VIII edizione del Rapporto ISPRA sulla Qualità dell’ambiente urbano, presentato il  2 ottobre a Roma, rappresenta uno strumento di conoscenza e di supporto alle decisioni per le amministrazioni locali, al servizio dei cittadini per una corretta informazione ambientale. Il documento analizza lo stato dell’ambiente in 51 capoluoghi di provincia italiani ed è stato prodotto dal Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, composto dall’ISPRA e dalle ARPA/APPA. Il Report aggiorna e arricchisce i dati dei principali indicatori ambientali relativi alla qualità della vita nei centri urbani, tra i quali la gestione dell’acqua, il consumo del suolo, l’inquinamento ambientale, la mobilità e i trasporti, il verde pubblico.

Hanno partecipato all’evento, tra gli altri, il Direttore Generale dell’ISPRA Stefano Laporta, il Sottosegretario del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Tullio Fanelli, il Direttore Generale di ARPA Puglia Giorgio Assennato.
 

 

 

03/10/12