Worskshop ARPA Puglia Valutazione economica degli effetti sanitari dell'inquinamento atmosferico - Pubblicazione delle relazioni tecnico-scientifiche

Si pubblicano le relazioni presentate a Taranto il 23 e 24 luglio nel corso del workshop "Valutazione economica degli effetti sanitari dell'inquinamento atmosferico: la metodologia dell’EEA", organizzato da ARPA Puglia, con il patrocinio dell’Università di Bari, del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente, di AssoArpa e dell’AReS. 

Fare clic sul nome del relatore per scaricare la presentazione:
Giorgio Assennato (ARPA Puglia); Antonio Uricchio (II Facoltà di Giurisprudenza di Taranto - Università degli Studi di Bari); Francesco Cuccaro (ARPA Puglia); Riccardo De Lauretis (ISPRA); Roberto Sozzi (ARPA Lazio); Ennio Cadum (ARPA Piemonte); Paolo Lauriola (ARPA Emilia-Romagna); Bruno Notarnicola (II Facoltà di Economia di Taranto - Università degli Studi di Bari); Domenico Cavallo (Facoltà di Scienze MM.FF.NN. di Como – Università degli Studi dell’Insubria); Paola Biasi (Facoltà di Economia - Università degli Studi di Firenze); Carla Guerriero (London School of Hygiene and Tropical Medicine; Istituto di Fisiologia Clinica CNR Pisa); Francesco Forastiere (Dipartimento di Epidemiologia - Regione Lazio); Fabrizio Bianchi (Istituto di Fisiologia Clinica - CNR Pisa).

Le relazioni, a contenuto eminentemente tecnico-scientifico, hanno ripercorso i passaggi dell’approccio stepwise proposto dalla European Environment Agency nel Report tecnico Revealing the costs of air pollution from industrial facilities in Europe, che ha suscitato attenzione non solo nella comunità scientifica. Nel 2011 l’EEA, grazie all’esperienza dei progetti Clean Air For Europe (CAFE) ed ExternE, ha sperimentato l’approccio stepwise, basato sui seguenti passaggi: emissioni dispersione (modellistica) esposizione (della popolazione a rischio) impatto (in termini di decessi, ricoveri, rischi ecologici, danno ai raccolti) → danno economico (equivalente monetario di ciascun impatto). In questo modo gli effetti sanitari dell’inquinamento atmosferico sono valutati secondo le ricadute negative sul mercato. Il vantaggio è quello di misurarne i danni, sanitari e non solo, con un confronto tra gli impatti determinati dai diversi insediamenti industriali, a partire dalle emissioni in atmosfera.

 

26/07/12