Raffineria Eni, incontro all'Arpa su controllo emissioni

In data odierna si è tenuto presso la Direzione Generale di ARPA Puglia un incontro di lavoro tra dirigenti dell'Eni-Raffineria di Taranto e il gruppo di lavoro dedicato dell'Agenzia, promosso per giungere alla definizione di una strategia condivisa per il controllo delle emissioni e

In data odierna si è tenuto presso la Direzione Generale di ARPA Puglia un incontro di lavoro tra dirigenti dell'Eni-Raffineria di Taranto e il gruppo di lavoro dedicato dell'Agenzia, promosso per giungere alla definizione di una strategia condivisa per il controllo delle emissioni e del relativo impatto ambientale. Nel corso della riunione sono state esaminate le diverse soluzioni tecniche in un clima di fattiva collaborazione e le parti hanno concordato sull'opportunità di ottimizzare le tecnologie disponibili in modo da fornire prestazioni ambientali efficienti e tempestive. ARPA Puglia ha avanzato una proposta di massima di acquisizione e utilizzo di nuove strumentazioni e soluzioni tecnologiche che è stata recepita in toto da ENI. Secondo lo schema proposto, la strumentazione, che sarà acquistata da ENI, verrà direttamente gestita dai tecnici di ARPA Puglia: l'Agenzia renderà quindi disponibili i dati all'Eni stessa e ai propri referenti istituzionali. E' prevista una prossima riunione operativa il primo dicembre presso l'ex-Ospedale Testa di Taranto per definire le modalità esecutive e la redazione di uno specifico protocollo d'intesa. L'incontro di oggi segna una svolta positiva nelle relazioni tra il mondo dell'impresa tarantina e l'Agenzia di protezione ambientale della Regione Puglia, in favore di un sistema di controlli più efficienti a tutela dell'ambiente e della salute pubblica.

21/11/08