Controlli di qualità sulla rete di monitoraggio

Il D. Lgs. 155/10, all’ art. 17 co. 4, stabilisce che “Le Regioni e le province autonome o, su delega, le Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente, effettuano le attività di controllo volte ad accertare che il gestore delle stazioni di misurazione rispetti le procedure di garanzia di qualità…”.
 
 
Il Centro Regionale Aria  ha avviato le attività di controllo di qualità sulla Rete Regionale di monitoraggio di Qualità dell'Aria nel 2013 con la verifica degli analizzatori di ossidi di azoto (NOx) e ozono (O3). Nel 2014 è iniziata la verifica degli analizzatori di monossido di carbonio (CO), mentre dal 2015 vengono controllati anche i flussi di campionamento degli analizzatori e dei campionatori di particolato atmosferico (PM10 e PM2.5). Dal 2016 ARPA ha dato inizio ai controlli di ripetibilità di zero e span sugli analizzatori di O3, NOx e CO e al lack of fit sull’analizzatore di O3. Nel 2017 questi ultimi controlli sono stati estesi anche a NOx e CO. Sugli NOx viene effettuata anche la verifica dell'efficienza del convertitore al molibdeno (c.d. GPT).

Le attività di controllo di qualità sono effettuate dall'Ufficio Qualità dell'Aria di Bari del Centro Regionale Aria.
 

REPORT TARATURE: 2013- 2014 -2015-I 2015-II - 2016 - 2017