Dettaglio articolo

 

- In corso
Progetto P.R.I.M.A. – Subprogetto "Monitoraggio e Risanamento aree inquinate destinate all'approvvigionamento idro-potabile comune di Nis" (MRAIN - Serbia) (Programma di Sostegno alla Cooperazione Regionale – Accordo di Programma Quadro Balcani - Linea 2.3)

 

L’iniziativa prevede la cooperazione tra le Regioni Italiane e le istituzioni Serbe e Bosniache per la realizzazione di indagini e caratterizzazioni ambientali in aree ad elevata criticità e siti inquinati, volte all’elaborazione di master plan per la tutela, la salvaguardia ed il miglioramento quali-quantitativo delle risorse naturali.
Le finalità degli interventi del progetto integrato sono:
  • elaborare piani di caratterizzazione ed intervento ambientale utili ai partner locali per l’accesso a strumenti di finanziamento e sostegno nazionali, della cooperazione Nazionale o Regionale Italiana, dell’Unione Europea e Internazionali;
  • realizzare piani di recupero ambientale inseriti in contesti quadro di riqualificazione di siti industriali attivi o dismessi, aree urbanizzate o agricole, sinergici con i programmi locali di sviluppo socioeconomico, uso e tutela del suolo e delle acque e di prevenzione e riduzione dei rischi sanitari per la popolazione;
  • fornire strumenti e know how utili per sostenere le Amministrazioni e gli Enti locali nell’applicazione delle normative e dei regolamenti ambientali vigenti in loco, anche in vista dell’armonizzazione di questi con gli standard ambientali dell’Unione Europea;
  • diffondere le competenze e le tecnologie italiane ambientali di monitoraggio e recupero nei Paesi destinatari;
  • condividere e rafforzare le relazioni con gli attori locali nel campo della cooperazione ambientale e dello sviluppo sostenibile;
  • condividere tra le Regioni italiane delle reti di contatti locali e creare una rete di competenze multiregionali;
  • avviare la creazione di una rete di competenze ambientali “multiregionali”, funzionale alla replica degli interventi in altri futuri contesti di cooperazione internazionale.
Gli interventi dei sub progetti intendono accelerare le procedure di elaborazione di progetti esecutivi da sottoporre ad azioni di fund raising presso istituzioni ed Enti internazionali per la realizzazione degli interventi di bonifica ed adeguamento ambientale.
I destinatari degli interventi sono individuati nelle Amministrazioni locali e Regionali, Enti ed agenzie ambientali titolari della responsabilità di intervento ambientale.
Il progetto specifico MRAIN mira a fornire strumenti conoscitivi e metodologici che consentano di ottimizzare le attività di monitoraggio sullo stato ambientale dell’area (denominata Mediana) di pertinenza dell’impianto di potabilizzazione delle acque prelevate dal fiume Nisava che, insieme ad un sistema di sorgenti, costituiscono la fonte di approvvigionamento idropotabile della città di Nis (Serbia) e del suo circondario, per una popolazione complessiva servita pari a 300.000 abitanti.
Le azioni del progetto prevedono:
a)      la costruzione di un geodatabase che contenga l’insieme dei dati che Comune di Nis e l’Azienda municipalizzata JKP Naissus, partner locali di progetto, metteranno a disposizione del gruppo di lavoro al fine di progettare l’attività di monitoraggio ambientale da eseguire nella fase successiva;
b)      l’attuazione di un monitoraggio ambientale del sottosuolo e della falda idrica sotterranea nell’area Mediana attraverso attività di assistenza tecnica per l’esecuzione di campionamenti e l’affidamento delle analisi chimiche su campioni di suolo e acque ad un laboratorio certificato e riconosciuto dal Ministero della Salute serbo;
c)       l’individuazione delle eventuali proposte di miglioramento del sistema in atto;
d)      la redazione di studi di fattibilità per la progettazione di eventuali interventi di bonifica che si dovessero ritenere necessari, a valere su programmi di finanziamento e fondi comunitari;
e)      la disseminazione dei risultati agli stakeholders e alle comunità locali, attraverso incontri, assistenza tecnica e attività seminariali.
Il gruppo di lavoro è costituito da: Regione Basilicata, regione capofila del Progetto Integrato, Regione Puglia, coordinatrice del progetto che ha individuato quali soggetti attuatori ARPA Puglia e Politecnico di Bari, Regione Abruzzo e Regione Veneto.
Nello specifico, ARPA Puglia ha il ruolo di coordinare le attività previste dall’intero progetto e pianificare, gestire e realizzare gli interventi di monitoraggio ambientale nell’area di indagine. Il Progetto terminerà (salvo proroghe) a dicembre del 2010.