Tema Ambientale Aria

Monitoraggio della Qualità dell'Aria

ARPA Puglia realizza il monitoraggio della qualità dell'aria regionale attraverso molteplici e differenti strumenti.
L’asse portante del sistema è rappresentato dalla Rete Regionale di monitoraggio della Qualità dell’Aria, approvata con D.G.R. della Regione Puglia num. 2420/2013. A questa rete, costituita da 55 stazioni, se ne affiancano altre di valenza locale. Tutte permettono la rilevazione in continuo degli inquinanti normati dal D. Lgs. 155/2010: PM10, PM2.5, NOx, O3, Benzene, CO, SO2. Nei territori sprovvisti di reti di monitoraggio, e su richiesta delle Amministrazioni locali, ARPA conduce campagne di rilevazioni con laboratori mobili aventi la stessa dotazione strumentale delle stazioni fisse. La misurazione della concentrazione in aria ambiente di Idrocarburi Policiclici Aromatici e metalli pesanti è condotta in laboratorio, sui campioni di PM10 prelevato in selezionate stazioni di monitoraggio. Ulteriori strumenti di valutazione della qualità dell’aria utilizzati da ARPA Puglia sono i campionatori sequenziali di particolato atmosferico;  i campionatori vento selettivi – per la discriminazione della direzione di provenienza degli inquinanti–; i campionatori passivi utilizzati ad esempio nella determinazione delle immissioni di sostanze odorigene.
 

RETI DI MONITORAGGIO FISSE: DATI STORICI

Sono disponibili i dati orari di qualità dell'aria registrati dal 2005 ad oggi dalle reti di monitoraggio gestite da ARPA Puglia. Per il download è sufficiente cliccare sull'anno d'interesse e procedere alla visualizzazione o al salvataggio del file relativo.
 

2013

2012

2011

2010

2009

2008

2007

2006

2005

 

Contenuti a cura del CRA (Centro Regionale Aria) - Direttore Roberto Giua
Pubblicazione a cura di Lorenzo Angiuli - Ultima modifica 28.04.2015